XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN
Amsterdam congress

Trombectomia endovascolare per ictus ischemico acuto


L’intervento endovascolare per l'ictus ischemico acuto migliora la rivascolarizzazione, ma studi che hanno esaminato la terapia endovascolare hanno prodotto risultati funzionali variabili, e l'effetto di un intervento endovascolare tra i sottogruppi necessita di una migliore definizione.

È stata esaminata l'associazione tra trombectomia endovascolare meccanica e risultati clinici nei pazienti con ictus ischemico acuto mediante una revisione di studi fino al 2015.
Gli studi selezionati erano relativi alla terapia endovascolare con trombectomia meccanica rispetto alle cure mediche standard, con l'uso dell’attivatore tissutale del plasminogeno ( tPA ) per via endovenosa.

I principali risultati sono stati un miglioramento ordinale attraverso i punteggi alla Rankin scale modificata ( mRS ) a 90 giorni, l'indipendenza funzionale ( punteggio mRS, 0-2 ), la rivascolarizzazione angiografica a 24 ore, una emorragia intracranica sintomatica entro 90 giorni, e la mortalità per tutte le cause a 90 giorni.

Sono stati inclusi i dati di 8 studi clinici che hanno coinvolto 2.423 pazienti ( età media, 67.4 anni; 1.131 donne, 46.7% ), tra cui 1.313 sottoposti a trombectomia endovascolare e 1.110 che hanno ricevuto cure mediche standard con tPA.

In una meta-analisi di questi studi, la terapia endovascolare è risultata associata a un significativo beneficio del trattamento proporzionale attraverso i punteggi alla scala mRS ( odds ratio, OR=1.56; P=0.005 ).

L’indipendenza funzionale a 90 giorni ( punteggio mRS, 0-2 ) si è verificata in 557 dei 1.293 pazienti ( 44.6% ) nel gruppo di terapia endovascolare versus 351 dei 1.094 pazienti ( 31.8% ) nel gruppo di assistenza medica standard ( differenza di rischio, 12%; OR=1.71; P=0.005 ).

Rispetto alle cure mediche standard, la trombectomia endovascolare è risultata associata a tassi significativamente più alti di rivascolarizzazione angiografica a 24 ore ( 75.8% vs 34.1%; OR=6.49; P minore di 0.001), ma a nessuna differenza significativa nei tassi di emorragia intracranica sintomatica entro 90 giorni ( 70 eventi, 5.7%, vs 53 eventi, 5.1%; OR=1.12; P=0.56 ) o mortalità per tutte le cause a 90 giorni ( 218 morti, 15.8%, vs 201 morti, 17.8%; OR=0.87; P=0.27 ).

In conclusione, tra i pazienti con ictus ischemico acuto, la terapia endovascolare con trombectomia meccanica versus cure mediche standard con tPA è risultata associata a un miglioramento dei risultati funzionali e a più alti tassi di rivascolarizzazione angiografica, ma a nessuna differenza significativa nella emorragia intracranica sintomatica o nella mortalità per tutte le cause a 90 giorni. ( Xagena2015 )

Badhiwala JH et al, JAMA 2015; 314: 1832-1843

Neuro2015 Chiru2015 Farma2015


Indietro