Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Uso di anticoagulanti orali per la prevenzione dell’ictus nei pazienti con fibrillazione atriale che hanno una storia di emorragia intracranica


Il rischio di un'ulteriore emorragia intracranica e il beneficio della riduzione del rischio di ictus con l'uso di anticoagulanti orali per i pazienti che hanno fibrillazione atriale con una storia di emorragia intracranica rimane non ben definito.
Sono stati esaminati i rischi e i benefici nei pazienti che hanno fibrillazione atriale con una precedente emorragia intracranica trattati con Warfarin ( Coumadin ) o antiaggreganti piastrinici rispetto a nessuna terapia antitrombotica.

Lo studio ha utilizzato il database National Health Insurance Research in Taiwan.
Tra 307.640 pazienti con fibrillazione atriale con punteggio CHA2DS2-VASc di 2 o superiore, sono stati identificati 12.917 pazienti con una storia di emorragia intracranica e sono stati assegnati a 1 di 3 gruppi, cioè nessun trattamento, terapia antiaggregante, e Warfarin.

Tra i pazienti con precedente emorragia intracranica, i tassi di emorragia intracranica e ictus ischemico nei pazienti non-trattati sono stati rispettivamente 4.2 e 5.8 per 100 anni-persona.

I tassi annuali di ictus ischemico e di emorragia intracranica degli utilizzatori di Warfarin sono stati, rispettivamente, 5.9% e 3.4%.
Tra gli utilizzatori di antiaggreganti piastrinici, i tassi annui sono stati rispettivamente 5.3% e 5.2%.

Il numero necessario da trattare ( NNT ) per prevenire 1 ictus ischemico è stato inferiore al numero necessario per nuocere per provocare 1 evento di emorragia intracranica con l'utilizzo di Warfarin in pazienti con un punteggio CHA2DS2-VASc di 6 ( 37 vs 56 ).
Il numero necessario da trattare è stato superiore al numero necessario per nuocere per i pazienti con un punteggio CHA2DS2-VASc minore di 6 ( 63 vs 53 ).

In conclusione, l’uso di Warfarin può essere utile per i pazienti che hanno fibrillazione atriale con una precedente emorragia intracranica e un punteggio CHA2DS2-VASc di 6 o superiore.
Sono necessari ulteriori studi per capire se l'uso di anticoagulanti orali antagonisti non-vitamina K può abbassare la soglia per il trattamento. ( Xagena2016 )

Chao TF et al, Circulation 2016; 133: 1540-1547

Cardio2016 Neuro2016 Farma2016


Indietro