Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Trombolisi endovenosa in pazienti con malattia renale cronica


È stata determinata l'associazione della malattia renale cronica ( CKD ) con la sicurezza e l'efficacia della trombolisi endovenosa tra i pazienti con ictus ischemico acuto.

Sono state condotte una revisione sistematica e una meta-analisi a coppie di studi che hanno coinvolto pazienti con malattia renale cronica sottoposti a trombolisi endovenosa per ictus ischemico acuto per valutare i seguenti esiti: emorragia intracranica sintomatica ( sICH ), emorragia intracranica asintomatica e qualsiasi emorragia intracranica ( ICH ), mortalità in ospedale e a 3 mesi, esito funzionale favorevole a 3 mesi ( FFO; punteggio sulla scala di Rankin modificata mRS 0-1 ) e indipendenza funzionale a 3 mesi ( FI, punteggio mRS 0-2 ).

La malattia renale cronica è stata definita con una velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) che variava da lieve ( eGFR 60–89 ml/min ) a moderata ( eGFR 30–59 ml/min ) a grave ( eGFR 15–29 ml/min ).

Sono stati identificati 20 studi comprendenti 60.486 pazienti con ictus ischemico acuto trattati con trombolisi endovenosa.

Nelle analisi non-aggiustate, la nefropatia cronica è stata associata ad emorragia intracranica sintomatica secondo le definizioni NINDS ( National Institute of Neurological Disorders and Stroke ) ( 7 studi; odds ratio, OR 1.41 ) ed ECASS ( European Cooperative Acute Stroke Study ) II ( 9 studi; OR 1.37 ), a qualsiasi emorragia intracranica ( 8 studi; OR 1.42 ), a mortalità a 3 mesi ( 9 studi; OR 2.20 ), a esito funzionale favorevole a 3 mesi ( 8 studi; OR 0.58 ) e indipendenza funzionale a 3 mesi ( 8 studi; OR 0.57 ).

Nelle analisi aggiustate, la malattia renale cronica è stata associata ad emorragia intracranica sintomatica secondo le definizioni NINDS ( 4 studi; OR aggiustato 1.34 ) ed ECASS II ( 3 studi; OR aggiustato 2.08 ), a qualsiasi emorragia intracranica ( 6 studi; OR aggiustato 1.41 ), a mortalità in ospedale ( 2 studi; OR aggiustato 1.19 ) ed esito funzionale favorevole a 3 mesi ( 6 studi; OR aggiustato 0.80 ).

Dopo l'aggiustamento per i fattori confondenti in questa meta-analisi a coppie, la nefropatia cronica da moderata a grave è stata associata a un aumento del rischio di emorragia intracranica sintomatica e ad esiti funzionali peggiori tra i pazienti con ictus ischemico acuto trattati con trombolisi endovenosa. ( Xagena2020 )

Malhotra K et al, Neurology 2020; 95: 121-130

Neuro2020 Nefro2020



Indietro