Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trattamento endovascolare rapido per ictus ischemico


Tra i pazienti con occlusione vasale prossimale nel circolo anteriore, il 60-80% muore entro 90 giorni dalla insorgenza dell'ictus o non riconquista l'indipendenza funzionale nonostante il trattamento con Alteplase [ Actilyse ].

È stato valutato il trattamento endovascolare rapido in aggiunta al trattamento standard nei pazienti con ictus ischemico acuto con un piccolo nucleo di infarto, una occlusione arteriosa intracranica prossimale, e circolazione collaterale da moderata a buona.

Sono stati randomizzati i partecipanti a ricevere cure standard ( gruppo di controllo ) o cura standard più trattamento endovascolare con l'uso dei dispositivi di trombectomia disponibili ( gruppo di intervento ).

I pazienti con occlusione intracranica prossimale del circolo anteriore sono stati inclusi fino a 12 ore dopo l'insorgenza dei sintomi.
Sono stati esclusi i pazienti con un ampio nucleo di infarto o cattiva circolazione collaterale alla tomografia computerizzata ( TC ) e alla angiografia TC.

L'esito primario era il punteggio alla scala Rankin modificata ( range, 0 nessun sintomo, 6 morte ) a 90 giorni.
È stato calcolato l’odds ratio ( OR ) comune come misura della probabilità che l'intervento comporti punteggi più bassi alla scala Rankin modificata rispetto alle cure di controllo.

Lo studio è stato interrotto precocemente a causa della efficacia.

Presso 22 Centri in tutto il mondo, sono stati arruolati 316 partecipanti; di questi 238 hanno ricevuto Alteplase per via endovenosa ( 120 nel gruppo di intervento e 118 nel gruppo di controllo ).

Nel gruppo di intervento, il tempo mediano dalla studio tomografico della testa fino alla prima riperfusione è stato di 84 minuti.

Il tasso di indipendenza funzionale ( punteggio da 0 a 2 alla scala Rankin modificata a 90 giorni ) è aumentato con l'intervento ( 53.0% vs 29.3% nel gruppo di controllo; P minore di 0.001 ).

L'esito primario ha favorito l'intervento ( odds ratio comune, OR=2.6; P minore di 0.001 ) e l'intervento è stato associato a una riduzione della mortalità ( 10.4% vs 19.0% nel gruppo di controllo; P=0.04 ).

L’emorragia intracerebrale sintomatica si è verificata nel 3.6% dei partecipanti nel gruppo di intervento e nel 2.7% dei partecipanti nel gruppo di controllo ( P=0.75 ).

In conclusione, tra i pazienti con ictus ischemico acuto con occlusione di un vaso prossimale, un piccolo nucleo di infarto e circolazione collaterale da moderata a buona, il trattamento endovascolare rapido ha migliorato gli esiti funzionali e ha ridotto la mortalità. ( Xagena2015 )

Goyal M et al, N Engl J Med 2015;372:1019-1030

Neuro2015 Farma2015


Indietro