Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia antitrombotica al momento della dimissione e a 1 anno nei pazienti con fibrillazione atriale e ictus acuto


Le attuali lineeguida AHA/ASA ( American Heart Association / American Stroke Association ) identificano l'uso del Warfarin ( Coumadin ) come indicazione di classe IA nei pazienti con fibrillazione atriale e ictus ischemico o attacco ischemico transitorio ( TIA ).
Tuttavia, pochi studi hanno esaminato i fattori associati con l’uso a lungo termine della terapia antitrombotica nei pazienti con attacco ischemico transitorio o ictus ischemico con fibrillazione atriale.

È stato utilizzato il Registro nazionale di miglioramento della qualità Get With The Guidelines–Stroke e il Registro AVAIL ( Adherence eValuation After Ischemic Stroke Longitudinal ) per esaminare i modelli di consumo di antitrombotici alla dimissione e a 12 mesi nei pazienti con TIA o ictus ischemico e con fibrillazione atriale.

È stato sviluppato un modello di regressione logistica multivariata per identificare i predittori di utilizzo di Warfarin in questa popolazione di pazienti a 12 mesi.

Dei 2.460 pazienti con ictus ischemico / attacco ischemico transitorio, 291 ( 11.8% ) avevano fibrillazione atriale; di questi il 5.5% è stato dimesso in terapia con il solo Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ), 49.1% con il solo Warfarin, 1.4% con il solo Clopidogrel ( Plavix ), 34.7% con Warfarin più Acido Acetilsalicilico, 2.1% con Acido Acetilsalicilico più Clopidogrel e 1.0% con Acido Acetilsalicilico più Clopidogrel più Warfarin.

Paradossalmente, c'è stata una diminuzione del tasso di utilizzo di Warfarin nei pazienti con un punteggio CHADS2 maggiore di 3.

L'unico fattore associato all'uso di Warfarin a 12 mesi di follow-up è stato il sesso maschile ( odds ratio aggiustato, OR=2.27, P=0.01 ).

Nel complesso, l'uso della terapia con Warfarin è risultato alto al momento della dimissione nei pazienti con ictus ischemico / attacco ischemico transitorio e con fibrillazione atriale; tuttavia, c'è stata una diminuzione nel tasso di utilizzo di Warfarin in pazienti con punteggio CHADS2 maggiore di 3.
Rispetto alle donne, gli uomini avevano una maggiore probabilità di essere in cura con il Warfarin ad 1 anno dopo l'evento di ictus indice.
Esistono, pertanto, opportunità per migliorare l'uso degli antitrombotici in tutti i pazienti con ictus ischemico / attacco ischemico transitorio e con fibrillazione atriale. ( Xagena2011 )

Lopes RD et al, Stroke 2011; 42: 3477-3483



Neuro2011 Cardio2011 Farma2011


Indietro