Neurobase.it
Tumori testa-collo
Dermabase.it
XagenaNewsletter

Terapia antitrombotica a lungo termine e rischio di emorragia intracranica da malformazioni cavernose cerebrali


La terapia antitrombotica ( anticoagulante o antipiastrinica ) viene omessa in alcuni pazienti con malformazioni cavernose cerebrali, a causa dell'incertezza sulla sicurezza di questi farmaci in tali pazienti.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di determinare se la terapia antitrombotica fosse associata a un aumentato rischio di emorragia intracranica negli adulti con malformazioni cavernose cerebrali.

In uno studio di coorte basato sulla popolazione, sono stati utilizzati i dati dello Scottish Audit of Intracranial Vascular Malformations, che hanno identificato in modo prospettico individui di età pari o superiore a 16 anni che vivevano in Scozia a cui era stata diagnosticata per la prima volta una malformazione cerebrale cavernosa nel periodo 1999-2003 o 2006-2010.
È stata confrontata l'associazione tra uso della terapia antitrombotica dopo la prima presentazione e l'insorgenza di emorragia intracranica o deficit neurologico focale persistente o progressivo dovuto a malformazioni cavernose cerebrali durante 15 anni di follow-up prospettico.

È stata anche effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi, in cui sono stati identificati studi comparativi per calcolare il rapporto di incidenza dell'emorragia intracranica in base all'uso della terapia antitrombotica.

Sono stati valutati 300 su 306 individui con una malformazione cerebrale cavernosa ammissibili allo studio. 61 hanno usato la terapia antitrombotica ( 10 su 61, 16%, hanno usato anticoagulanti ) per una durata media di 7.4 anni durante il follow-up.

L'uso della terapia antitrombotica è stato associato a un minor rischio di successiva emorragia intracranica o deficit neurologico focale ( 1 su 61, 2%, vs 29 su 239, 12%, hazard ratio aggiustato HR 0.12, P=0.037 ).

In una meta-analisi di 6 studi di coorte su 1.342 pazienti, l'uso della terapia antitrombotica è stato associato a un minore rischio di emorragia intracranica ( 8 su 253, 3%, vs 152 su 1.089, 14%; tasso di incidenza, IRR 0.25; P minore di 0.0001; I2=0% ).

L'uso della terapia antitrombotica è associato a un minore rischio di emorragia intracranica o deficit neurologico focale da malformazioni cavernose cerebrali rispetto all'evitare la terapia antitrombotica.
Questi risultati forniscono rassicurazioni sulla sicurezza per la pratica clinica e richiedono ulteriori indagini in uno studio controllato randomizzato. ( Xagena2019 )

Zuurbier SM et al, Lancet Neurology 2019; 18: 935-941

Neuro2019 Farma2019


Indietro