Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza ed efficacia dell’Acido Urico in pazienti con ictus acuto


L’Acido Urico è un antiossidante con effetti neuroprotettivi in modelli sperimentali di ictus.

È stato condotto uno studio per valutare se la terapia con Acido Urico potesse migliorare gli esiti funzionali a 90 giorni nei pazienti con ictus ischemico acuto.

URICO-ICTUS era uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 2b/3 che ha reclutato pazienti con ictus ischemico acuto ricoverati in 10 Centri spagnoli per l’ictus.

I pazienti inclusi avevano età uguale o superiore a 18 anni, avevano ricevuto Alteplase ( tPA; Actilyse ) entro 4.5 ore dalla insorgenza dei sintomi e avevano un punteggio di eleggibilità alla scala NIHSS ( National Institutes of Health Stroke Scale ) maggiore di 6 e minore o uguale a 25, e di pre-morbilità ( valutato mediante anamnesi ) alla scala mRS ( Rankin Scale modificata ) minore o uguale a 2.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 1:1 a ricevere Acido Urico 1000 mg oppure placebo ( entrambi in infusione endovemosa di 90 minuti durante l’infusione di Alteplase ), con stratificazione per Centro e gravità dell’ictus al basale.

L’esito primario era la proporzione di pazienti con esito eccellente ( cioè un punteggio mRS di 0-1 o 2 se il punteggio di pre-morbilità era 2 ) a 90 giorni, analizzato nella popolazione target ( tutti i pazienti randomizzati che avevano ricevuto diagnosi corretta di ictus ischemico e avevano iniziato il trattamento farmacologico dello studio ).

Nel periodo 2011-2013, sono stati randomizzati 421 pazienti, 411 ( 98% ) dei quali sono stati inclusi nella popolazione target ( 211 hanno ricevuto Acido Urico e 200 placebo ).

In totale, 83 ( 39% ) pazienti che avevano ricevuto Acido Urico e 66 ( 33% ) che erano stati trattati con placebo hanno avuto un esito eccellente ( risk ratio aggiustato, RR=1.23; p=0.099 ).

Non sono emerse differenze statisticamente significative o clinicamente rilevanti tra i gruppi per quanto riguarda il decesso ( 13% nel gruppo Acido Urico vs 16% nel gruppo placebo ), emorragia intracerebrale sintomatica ( 4% vs 3% ) e artrite gottosa ( inferiore a 1% vs 2% ).

Si sono verificati 516 eventi avversi nel gruppo Acido Urico e 532 nel gruppo placebo.

Di questi eventi, 61 ( 12% ) e 67 ( 13% ), rispettivamente, sono risultati gravi ( p=0.703 ).

In conclusione, l’aggiunta di Acido Urico alla terapia trombolitica non ha aumentato la proporzione di pazienti che hanno raggiunto un esito eccellente dopo ictus rispetto al placebo, ma non ha portato alcun problema di sicurezza. ( Xagena2014 )

Chamorro A et al, Lancet Neurol 2014; 13: 453-460

Neuro2014 Farma2014


Indietro