Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Riavvio del trattamento anticoagulante dopo emorragia intracranica nei pazienti con fibrillazione atriale e impatto su ictus ricorrente, mortalità e sanguinamento


L’emorragia intracranica è la complicanza più temuta della terapia anticoagulante orale.
L'opzione di trattamento ottimale per i pazienti con fibrillazione atriale che sopravvivono a una emorragia intracranica rimane sconosciuta.
Si è ipotizzato che il riavvio del trattamento anticoagulante orale sia associato a un minore rischio di ictus e di mortalità rispetto alla mancata ripresa.

Nei registri nazionali danesi nel periodo 1997-2013 sono stati identificati pazienti affetti da fibrillazione atriale in trattamento con anticoagulanti orali con emorragia intracranica incidente.
I pazienti sono stati stratificati per regimi di trattamento ( nessun trattamento, trattamento anticoagulante orale, o terapia antiaggregazione piastrinica ) dopo emorragia intracranica.

I tassi di eventi sono stati valutati 6 settimane dopo la dimissione dall'ospedale e sono stati confrontati con modelli di rischio proporzionale di Cox.

In 1.752 pazienti ( 1 anno di follow-up ), il tasso di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per qualsiasi causa ( per 100 anni-persona ) per i pazienti trattati con anticoagulanti orali è stato pari a 13.6 rispetto a 27.3 per i pazienti non-trattati e 25.7 per i pazienti sottoposti a terapia antiaggregante.

Il tasso di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per qualsiasi causa ( per 100 anni-persona ) per recidiva di emorragia intracranica, il tasso di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per tutte le cause ( per 100 anni-persona ) in pazienti trattati con anticoagulanti orali è stato pari a 8.0 rispetto a 8.6 nei pazienti non-trattati e 5.3 nei pazienti in terapia antiaggregante.

L'hazard ratio aggiustato ( aHR ) di ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per tutte le cause è stato pari a 0.55 nei pazienti in trattamento anticoagulante orale rispetto a nessun trattamento.

Per ictus ischemico / embolia sistemica e mortalità per tutte le cause, gli hazard ratio sono stati, rispettivamente, 0.59 e 0.55.

In conclusione, il trattamento anticoagulante orale è risultato associato a una significativa riduzione dei tassi di ictus ischemico / mortalità per tutte le cause, sostenendo la reintroduzione della terapia anticoagulante orale dopo emorragia intracranica. ( Xagena2015 )

Nielsen PB et al, Circulation 2015; 132: 517-525

Neuro2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro