Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Pioglitazone dopo ictus ischemico o attacco ischemico transitorio


I pazienti con ictus ischemico o attacco ischemico transitorio ( TIA ) sono ad aumentato rischio di futuri eventi cardiovascolari nonostante le terapie preventive attuali.
L'identificazione di insulino-resistenza come un fattore di rischio per ictus e infarto del miocardio ha sollevato la possibilità che Pioglitazone ( Actos ), che migliora la sensibilità all'insulina, possa dare beneficio ai pazienti con malattia cerebrovascolare.

In uno studio multicentrico, in doppio cieco, sono stati assegnati in modo casuale 3.876 pazienti che avevano avuto un recente ictus ischemico o TIA a ricevere Pioglitazone ( dose target, 45 mg al giorno ) oppure placebo.
I pazienti eleggibili non avevano diabete mellito, ma avevano insulino-resistenza sulla base ad un punteggio di oltre 3.0 sulla valutazione di un modello di omeostasi per l’indice di resistenza all'insulina ( HOMA-IR ).

L'esito primario era ictus fatale o ictus non-fatale o infarto miocardico.

A 4.8 anni, un esito primario si era verificato in 175 su 1.939 pazienti ( 9.0% ) nel gruppo Pioglitazone e in 228 su 1.937 pazienti ( 11.8% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio nel gruppo Pioglitazone, HR=0.76; P=0.007 ).

Il diabete mellito si è sviluppato in 73 pazienti ( 3.8% ) e in 149 pazienti ( 7.7% ), rispettivamente ( hazard ratio, 0.48; P minore di 0.001 ).

Non c'è stata alcuna differenza significativa tra i gruppi nella mortalità per tutte le cause ( HR=0.93; P=0.52 ).

Pioglitazone è stato associato a una maggiore frequenza di aumento di peso superiore a 4.5 kg rispetto al placebo ( 52.2% vs 33.7%, P minore di 0.001 ), edema ( 35.6% vs 24.9%, P minore di 0.001 ), e frattura ossea con necessità di intervento chirurgico o ricovero in ospedale ( 5.1% vs 3.2%, P=0.003 ).

In questo studio che ha coinvolto pazienti senza diabete con insulino-resistenza e una storia recente di ictus ischemico o TIA, il rischio di ictus o infarto miocardico è stato più basso tra i pazienti che hanno ricevuto Pioglitazone rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo.
Pioglitazone era anche associato a un minore rischio di diabete, ma a maggiori rischi di aumento di peso, edema e frattura. ( Xagena2016 )

Kernan WN et al, N Engl J Med 2016; 374: 1321-1331

Neuro2016 Endo2016 Farma2016


Indietro