Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Occlusione dell'appendice atriale sinistra durante cardiochirurgia per prevenire l'ictus


Si è ipotizzato che l'occlusione chirurgica dell'appendice atriale sinistra prevenga l'ictus ischemico nei pazienti con fibrillazione atriale, ma ciò non è stato dimostrato. La procedura può essere eseguita durante interventi di cardiochirurgia effettuati per altri motivi.

È stato condotto uno studio multicentrico randomizzato che ha coinvolto partecipanti con fibrillazione atriale e un punteggio CHA2DS2-VASc di almeno 2 ( su una scala da 0 a 9, con punteggi più alti ad indicare un maggior rischio di ictus ) che erano in programma per un intervento di cardiochirurgia per un'altra indicazione.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a subire o meno l'occlusione dell'appendice atriale sinistra durante l'intervento chirurgico; tutti i partecipanti dovevano ricevere le cure abituali, inclusa l'anticoagulazione orale, durante il follow-up.

L'esito primario era il verificarsi di ictus ischemico ( incluso l’attacco ischemico transitorio [ TIA ] con neuroimaging positivo ) o embolia sistemica.
I partecipanti, il personale di ricerca e i medici di base ( diversi dai chirurghi ) non erano a conoscenza delle assegnazioni del gruppo di studio.

La popolazione dell'analisi primaria è stata di 2.379 pazienti nel gruppo occlusione e 2.391 nel gruppo senza occlusione, con un'età media di 71 anni e un punteggio medio CHA2DS2-VASc di 4.2.
I partecipanti sono stati seguiti per una media di 3.8 anni.

In totale il 92.1% dei partecipanti ha ricevuto la procedura assegnata e, a 3 anni, il 76.8% dei partecipanti ha continuato a ricevere l'anticoagulazione orale.

Ictus o embolia sistemica si sono verificati in 114 partecipanti ( 4.8% ) nel gruppo occlusione e in 168 ( 7.0% ) nel gruppo senza occlusione ( hazard ratio, HR=0.67; P=0.001 ).

L'incidenza di sanguinamento perioperatorio, insufficienza cardiaca o morte non è variata significativamente tra i gruppi di studio.

Tra i partecipanti con fibrillazione atriale sottoposti a chirurgia cardiaca, la maggior parte dei quali ha continuato a ricevere una terapia antitrombotica in corso, il rischio di ictus ischemico o embolia sistemica è stato inferiore con l'occlusione dell'appendice atriale sinistra concomitante eseguita durante l'intervento chirurgico rispetto all’assenza di occlusione. ( Xagena2021 )

Whitlock RP et al, N Engl J Med 2021; 384: 2081-2091

Cardio2021 Neuro2021 Chiru2021



Indietro