Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Modulatori del sistema renina-angiotensina riducono leggermente il rischio vascolare nei soggetti con precedente ictus


Anche se l'efficacia degli Ace inibitori e degli antagonisti del recettore dell'angiotensina ( anche noti come sartani ) nel ridurre futuri eventi vascolari nei pazienti con malattia coronarica sia ben definita, poco si sa circa i benefici precisi di questi farmaci nei pazienti con ictus.

E' stato valutato se l'impiego di Ace-inibitori o sartani fosse in grado di ridurre futuri eventi vascolari nei soggetti con precedente ictus.

Sono stati identificati 8 studi randomizzati e controllati con 29.667 partecipanti.

L'uso di Ace inibitori o bloccanti del recettore dell'angiotensina in persone con un precedente ictus è stato associato a un più basso rischio di futuri eventi vascolari maggiori ( rischio relativo, RR=0.91; p=0.001; NNT=71 ) e ictus ricorrenti ( RR=0.93; p=0.03; NNT=143 ).

Eterogeneità è stata trovata tra gli studi per gli esiti finali di eventi vascolari maggiori ( p=0.02, I2=61% ), ma non per l’ictus ricorrente ( p=0.38, I2=6% ).

Nelle analisi dei sottogruppi, non c'è stata, in genere, evidente eterogeneità tra le differenti caratteristiche di studio.

In conclusione, il trattamento con un Ace inibitore o un sartano ha un chiaro, ma piuttosto modesto, effetto sulla riduzione del rischio vascolare in soggetti con precedente ictus. ( Xagena2012 )

Lee M et al, Stroke 2012; 113-119

Neuro2012 Farma2012


Indietro