Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'uso di statine riduce i rischi di osteoporosi e fratture nei pazienti con ictus


Da uno studio è emerso che l'uso delle statine è associato a minori rischi di osteoporosi, frattura dell'anca e fratture vertebrali nei pazienti con ictus.

L'ictus è un importante fattore di rischio per l'osteoporosi e le fratture a causa della sostanziale perdita di densità minerale ossea ( BMD ), e disturbi di andatura e di equilibrio conseguenti all'ictus possono essere associate a un aumento del rischio di caduta.
Le fratture sono una complicanza comune dell'ictus e possono ridurre ulteriormente il recupero funzionale, prolungare la disabilità e aumentare il rischio di mortalità tra i pazienti colpiti da ictus.

Uno studio di coorte basato sulla popolazione ha valutato l'associazione tra uso di statine e rischi di osteoporosi e frattura nei pazienti con ictus.

Sono stati identificati i pazienti con nuova diagnosi di ictus tra il 2000 e il 2012. Lo studio ha riguardato un totale di 5254 pazienti; 2627 pazienti erano in trattamento con le statine e altrettanti hanno costituito la coorte non-statine.

L'endpoint primario era rappresentato dall'osteoporosi post-ictus, frattura dell'anca e frattura vertebrale.

L'uso delle statine post-ictus è risultato associato a un rischio complessivo più basso dell'esito primario ( hazard ratio aggiustato, aHR = 0.66 ).

Nelle sottoanalisi, l'uso delle statine era correlato a un ridotto rischio di tutte le singole voci dell'endopoint primario, tra cui osteoporosi ( aHR = 0.68 ), frattura dell'anca ( aHR = 0.59 ) e frattura vertebrale ( aHR = 0.73 ).

E' stata anche osservata una relazione dose-effetto. Gli hazard ratio aggiustati per lo sviluppo dell'endpoint primario erano 0.96, 0.86 e 0.34 per i pazienti che usavano rispettivamente da 1 a 90, da 91 a 365 e oltre 365 dosi giornaliere cumulative di statine.
Dopo stratificazione per età, sesso, tipo di ictus e analisi di sensibilità, queste relazioni dose-effetto si sono mantenute.

Secondo i ricercatori questa è la prima volta che viene mostrato un beneficio del trattamento con statine nella prevenzione dell'osteoporosi e delle fratture in questa popolazione di pazienti.

I risultati dello studio sono coerenti con quelli di numerosi studi precedenti su popolazioni generali.
Una recente meta-analisi che ha incluso studi clinici e studi osservazionali ha indicato che l'uso di statine era significativamente associato a un aumento della densità minerale ossea e a un minor rischio di frattura dell'anca.
Il rischio complessivo era 0.75 per gli utilizzatori di statine rispetto ai non-utilizzatori.
È stata anche riportata una tendenza verso un ridotto rischio di fratture vertebrali ( odds ratio, OR = 0.81 ).

Un'altra meta-analisi ha riportato una associazione significativa tra uso di statine e riduzione del rischio complessivo di fratture, con un odds ratio di 0.80. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 2018

Endo2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro