Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

L’assunzione di Cisteina con la dieta inversamente associata al rischio di ictus nelle donne


La Cisteina potrebbe potenzialmente ridurre il rischio di ictus mediante effetti antipertensivi e antiossidanti.
Uno studio ha valutato l'ipotesi che l'assunzione di Cisteina sia inversamente associata all’incidenza di ictus.

I ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma ( Svezia ) hanno utilizzato i dati dello Swedish Mammography Cohort, una coorte prospettica basata sulla popolazione di 34.250 donne, prive di malattie cardiovascolari e di cancro al basale, e che avevano completato un questionario sulla frequenza alimentare e su altri fattori di rischio per l’ictus nel 1997.

Casi di ictus sono stati identificati mettendo a confronto la popolazione in studio con lo Swedish Inpatient Register e lo Swedish Cause of Death Register.

I ricercatori hanno accertato 1.751 casi di ictus incidente durante 10.4 anni di follow-up.

L’assunzione di Cisteina tramite la dieta ( media, 635 mg/die ) è risultata inversamente associata al rischio di ictus.

All’analisi multivariata, il rischio relativo ( RR ) di ictus totale confrontando il più alto con il più basso quintile di assunzione di Cisteina è stato pari a 0.79 ( 95% intervallo di confidenza, 0.65-0.97; P per trend = 0.04 ).

Il corrispondente rischio relativo è stato pari a 0.82 ( 95% intervallo di confidenza, 0.65-1.03; P per trend = 0.12 ) per infarto cerebrale, e pari a 0.54 ( 95% intervallo di confidenza, 0.29-1.03; P per trend = 0.08 ) per emorragia intracerebrale.

L’assunzione di altri aminoacidi non ha mostrato ( dopo aggiustamento per l'assunzione di Cisteina ) nessuna associazione indipendente con il rischio di ictus.

In conclusione, questi risultati suggeriscono che l'assunzione di Cisteina con la dieta può essere inversamente associata al rischio di ictus. ( Xagena2015 )

Larsson SC et al, Stroke 2015; 46: 922-926

Neuro2015 Gyne2015 Nutra2015



Indietro