Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'Acido Folico associato a un Ace inibitore può ridurre il rischio di primo ictus nelle persone affette da ipertensione


Una supplementazione a base di Acido Folico associata a un farmaco antipertensivo ( Ace inibitore ) può rappresentare un modo efficace per ridurre il rischio di primo ictus tra gli adulti con alta pressione sanguigna.

L’ipertensione è un noto fattore di rischio per l'ictus. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention ( CDC ), circa 8 primi ictus su 10 si presentano tra le persone con alti valori pressori.

In studi precedenti era emerso che la supplementazione di Acido Folico nella prevenzione delle malattie cardiovascolari era in grado di ridurre il rischio di ictus. Tuttavia nessuno studio aveva l’ictus come endpoint primario.

Ricercatori hanno valutato il legame tra la supplementazione di Acido Folico e il rischio di ictus tra 20.702 adulti di età compresa tra 45-75 anni in Cina.
Tutti gli adulti avevano ipertensione, ma non avevano storia di ictus o di infarto miocardico.

Sono state esaminate le variazioni dei genotipi MTHFR C677T ( CC, CT o TT ), che possono influenzare i livelli di folato; inoltre, sono stati misurati i livelli di folato al basale.

Nel periodo 2008-2013, i partecipanti sono stati randomizzati a ricevere, ogni giorno, 10 mg di Enalapril ( Enapren ), un farmaco comunemente usato per trattare gli alti valori pressori, e 0.8 mg di Acido Folico, oppure una dose di 10 mg/die di Enalapril da solo.

L'Acido Folico è una vitamina B; una sua mancanza può portare ad anemia e ad altre complicanze.
L’assunzione di Acido Folico è consigliato nelle donne prima e durante la gravidanza, in quanto studi hanno indicato che può ridurre in modo significativo il rischio di difetti maggiori alla nascita, come la spina bifida e l’anencefalia.

Durante il periodo di follow-up mediano di 4.5 anni, 282 ( 2.7% ) partecipanti che erano stati trattati sia con Enalapril sia con Acido Folico hanno sofferto di un primo ictus, contro 355 ( 3.4% ) partecipanti trattati solamente con Enalapril.

Il rischio di ictus è stato inferiore del 21% tra i soggetti che avevano assunto Acido Folico ed Enalapril versus solo Ace inibitore.
Inoltre, il trattamento con Enalapril e Acido Folico era anche associato a una riduzione dello 0.7% del rischio assoluto di primo ictus.

Un più basso rischio relativo di ictus ischemico è stato individuato tra i partecipanti trattati con Enalapril e Acido Folico, oltre a un minor rischio di eventi cardiovascolari nell’endpoint composito costituito da infarto del miocardio, ictus e mortalità cardiovascolare.

E’emerso che i partecipanti con genotipi TT avevano una maggiore probabilità di trarre beneficio dal trattamento di combinazione con Enalapril e Acido Folico, così come i partecipanti che avevano bassi livelli di Folato al basale.

In un editoriale collegato allo studio, Meir Stampfer e Walter Willet, della Harvard School of Public Health a Boston ( MA, Stati Uniti ) hanno osservato che i risultati potrebbero anche trovare applicazione in popolazioni senza alti valori pressori.
.
Adeguati livelli di Folato possono essere raggiunti assumendo ortaggi ( soprattutto verdure a foglia verde ), frutta, succhi di frutta, noci, fagioli e piselli. ( Xagena2015 )

Fonte: JAMA ( Journal of American Medical Association ), 2015

Neuro2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro