Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Evoluzione dell'aterosclerosi carotidea con una concentrazione di colesterolo LDL target inferiore a 70 mg/dl dopo ictus ischemico di origine aterosclerotica


Lo studio TST ( Treat Stroke to Target ) ha mostrato il vantaggio di mirare a una concentrazione di colesterolo LDL inferiore a 70 mg/dl in termini di riduzione del rischio di eventi cardiovascolari maggiori in 2.860 pazienti con ictus ischemico con stenosi aterosclerotica del sistema vascolare cerebrale.
L'impatto sull'evoluzione dell'aterosclerosi carotidea non è noto.

Lo studio TST-PLUS ( Treat Stroke to Target-Plaque Ultrasound Study ) ha coinvolto 201 pazienti assegnati a un target di concentrazione di colesterolo LDL inferiore a 70 mg/dl e 212 pazienti assegnati a un target di 100 mg/dl.
Per raggiungere questi obiettivi, sono state utilizzate le statine con dosaggio a scelta dei ricercatori, aggiungendo Ezetimibe secondo necessità.

Gli esami ecografici della carotide sono stati eseguiti al basale e a 2, 3 e 5 anni.
Sono state eseguite tutte le misurazioni dello spessore intima-media di entrambe le arterie carotidi comuni in cieco dal braccio di randomizzazione.

Gli esiti principali erano la placca aterosclerotica di nuova diagnosi sulla biforcazione carotidea o sull'arteria carotide interna utilizzando la definizione di Mannheim Consensus e il confronto tra i gruppi riguardo al cambiamento di spessore intima-media delle arterie carotidi comuni.

Dopo un follow-up mediano di 3.1 anni, le concentrazioni di colesterolo LDL raggiunte sono state 64 mg/dl ( 1.64 mmol/l ) nel gruppo con target inferiore e 106 mg/dl ( 2.72 mmol/l ) nel gruppo con target superiore.
Rispetto al gruppo con target più elevato, i pazienti nel gruppo con target inferiore hanno presentato una incidenza simile di placca carotidea di nuova diagnosi: 46/201 ( tasso a 5 anni, 26.1% ) rispetto a 45/212 ( tasso a 5 anni, 29.7% ).

La variazione dello spessore intima-media delle arterie carotidi comuni è stata di −2.69 mcm nel gruppo con target più alto e di −10.53 mcm nel gruppo con target inferiore, risultante in una differenza assoluta tra i gruppi di −7.84 mcm ( P=0.004 ).

Nei pazienti con ictus ischemico e aterosclerosi, un target di colesterolo LDL inferiore a 70 mg/dl ( 1.8 mmol/l ) non ha ridotto l'incidenza di nuove placche carotidee ma ha prodotto una regressione significativamente maggiore dell'aterosclerosi carotidea rispetto a un target di colesterolo LDL di 90-110 mg/dl. ( Xagena2020 )

Amarenco P et al, Circulation 2020; 142: 748-757

Neuro2020 Endo2020



Indietro