Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Diagnosi di fibrillazione atriale dopo ictus e attacco ischemico transitorio


Tra i pazienti con fibrillazione atriale, il rischio di ictus è più alto per quelli con una storia di ictus; tuttavia, gli anticoagulanti orali possono ridurre il rischio di ictus ricorrente per due terzi.
Nessun consenso è stato raggiunto su come la fibrillazione atriale dovrebbe essere studiata nei pazienti con ictus, e la sua prevalenza dopo un ictus rimane incerta.

È stata effettuata una revisione sistematica ed una meta-analisi per stimare la percentuale di pazienti con una nuova diagnosi di fibrillazione atriale dopo 4 fasi sequenziali di monitoraggio cardiaco dopo un ictus o un attacco ischemico transitorio ( TIA ).

Sono stati inclusi studi che hanno fornito il numero di pazienti con ictus ischemico o attacco ischemico transitorio che avevano recente diagnosi di fibrillazione atriale.

I metodi di monitoraggio cardiaco sono stati stratificati in 4 fasi sequenziali di screening: fase 1 ( pronto soccorso ) con elettrocardiogramma ( ECG ) al ricovero; fase 2 ( in ospedale ) con ECG seriale, continuo monitoraggio ECG del ricoverato, telemetria cardiaca continua del ricoverato e monitoraggio Holter in ospedale; fase 3 ( primo periodo ambulatoriale ) con Holter ambulatoriale; fase 4 ( secondo periodo ambulatoriale ) con telemetria ambulatoriale cardiaca mobile, registrazione dei dati con loop esterno e registrazione con loop impiantabile.

L'endpoint primario era rappresentato dalla percentuale di pazienti con nuova diagnosi di fibrillazione atriale per ogni metodo e ogni fase, e per la combinazione in sequenza di fasi.

La revisione sistematica ha analizzato 28.290 studi, di cui 50 ( che comprendevano 11.658 pazienti ) soddisfacevano i criteri di inclusione nella meta-analisi.

La proporzione di pazienti con diagnosi di fibrillazione atriale post-ictus è stata del 7.7% nella fase 1, 5.1% nella fase 2, 10.7% nella fase 3 e 16.9% nella fase 4.
Il rilevamento complessivo della fibrillazione atriale dopo tutte le fasi di monitoraggio cardiaco sequenziale è stato del 23.7%.

Combinando in modo sequenziale i metodi di monitoraggio cardiaco, la fibrillazione atriale potrebbe essere rilevata come nuova diagnosi in quasi un quarto dei pazienti con ictus o attacco ischemico transitorio.
La percentuale complessiva di pazienti con ictus che sono noti per avere la fibrillazione atriale sembra essere superiore a quella stimata in precedenza.
Di conseguenza, più pazienti possono essere trattati con anticoagulanti orali e più recidive di ictus impedite. ( Xagena2015 )

Sposato L et al, Lancet 2015;14:377-387

Neuro2015 Cardio2015



Indietro