Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Dermabase.it

Confronto tra due target di colesterolo LDL dopo ictus ischemico


Si raccomanda l'uso di una terapia ipolipemizzante intensiva per mezzo di statine dopo attacco ischemico transitorio ( TIA ) e ictus ischemico di origine aterosclerotica.
Il livello target per il colesterolo LDL per ridurre gli eventi cardiovascolari dopo l'ictus non è stato ben studiato.

In uno studio condotto in Francia e Corea del Sud, sono stati assegnati in modo casuale pazienti con ictus ischemico nei precedenti 3 mesi o TIA nei precedenti 15 giorni a un livello target di colesterolo LDL inferiore a 70 mg per decilitro ( 1.8 mmol per litro ) ( gruppo target inferiore ) o a un intervallo target compreso tra 90 mg e 110 mg per decilitro ( da 2.3 a 2.8 mmol per litro ) ( gruppo target superiore ).

Tutti i pazienti presentavano evidenza di aterosclerosi cerebrovascolare o dell'arteria coronarica e ricevevano statine, Ezetimibe o entrambi.

L'endpoint primario composito dei principali eventi cardiovascolari comprendeva ictus ischemico, infarto del miocardio, nuovi sintomi che portavano a rivascolarizzazione coronarica o carotidea urgente o morte per cause cardiovascolari.

In totale 2.860 pazienti sono stati arruolati e seguiti per una mediana di 3.5 anni; 1.430 sono stati assegnati a ciascun gruppo target di colesterolo LDL.
Il livello medio di colesterolo LDL al basale era di 135 mg per decilitro ( 3.5 mmol per litro ) e il livello medio di colesterolo LDL raggiunto era di 65 mg per decilitro ( 1.7 mmol per litro ) nel gruppo con target inferiore e 96 mg per decilitro ( 2.5 mmol per litro ) nel gruppo con target superiore.

Lo studio è stato interrotto per motivi amministrativi dopo che si erano verificati 277 dei 385 eventi endpoint previsti.

L'endpoint primario composito si è verificato in 121 pazienti ( 8.5% ) nel gruppo con target inferiore e in 156 ( 10.9% ) nel gruppo con target superiore ( hazard ratio aggiustato, aHR 0.78; P=0.04 ).

L'incidenza di emorragia intracranica e diabete di nuova diagnosi non differiva significativamente tra i due gruppi.

Dopo un ictus ischemico o TIA con evidenza di aterosclerosi, i pazienti che avevano un livello target di colesterolo LDL inferiore a 70 mg per decilitro hanno avuto un rischio inferiore di eventi cardiovascolari successivi rispetto a quelli che avevano un intervallo target da 90 mg a 110 mg per decilitro. ( Xagena2020 )

Amarenco P et al, N Engl J Med 2020; 382: 9-19

Neuro2020 Endo2020 Farma2020


Indietro