Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione tra sostituzione transcatetere della valvola aortica e ictus postprocedurale precoce


La riduzione dell’ictus postprocedurale è importante per migliorare la sicurezza della sostituzione transcatetere della valvola aortica ( TAVR ).
Sono state valutate le tendenze di ictus entro 30 giorni dopo la procedura durante i primi 5 anni in cui la sostituzione TAVR è stata utilizzata negli Stati Uniti, l'associazione tra ictus e mortalità a 30 giorni e l'associazione tra terapia medica e rischio di ictus a 30 giorni.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo su 101.430 pazienti trattati con TAVR femorale e non-femorale presso 521 ospedali statunitensi nel Society of Thoracic Surgeons / American College of Cardiology Transcatheter Valve Thercies Registry dal 2011 al 2017.
Il follow-up è stato di 30 giorni.

Sono state valutate le percentuali a 30 giorni di ictus ischemico transitorio e ictus, l'associazione dell’ictus con la mortalità a 30 giorni e l'associazione tra terapie mediche antitrombotiche e ictus post-dimissione a 30 giorni.

Tra i 101.430 pazienti inclusi nello studio ( età mediana, 83 anni; 47.797 donne, 47.1%; 85.147 pazienti trattati tramite accesso femorale, 83.9% ), i dati di follow-up postprocedure a 30 giorni sono stati valutati in tutti.
Al giorno 30, c'erano 2.290 pazienti ( 2.3% ) con un ictus di qualsiasi tipo e 373 pazienti ( 0.4% ) con attacco ischemico transitorio ( TIA ).

Durante il periodo di studio, i tassi di ictus a 30 giorni erano stabili senza una tendenza crescente o decrescente in tutti i pazienti ( P tendenza=0.22 ) e nel grande sottogruppo di accesso femorale ( P tendenza=0.47 ).
Tra i casi di ictus entro 30 giorni, 1.119 ( 48.9% ) si sono verificati entro il primo giorno e 1.567 ( 68.4% ) entro 3 giorni dopo TAVR.

La comparsa di ictus è risultata associata a un aumento significativo della mortalità a 30 giorni: 383 pazienti su 2.290 ( 16.7% ) che avevano avuto un ictus rispetto a 3.662 pazienti su 99.140 ( 3.7% ) che non avevano avuto un ictus sono deceduti ( P minore di 0.001; hazard ratio corretto per il rischio, HR, 6.1; P minore di 0.001 ).

Dopo l’abbinamento per punteggio di propensione, il rischio di ictus a 30 giorni non è risultato associato al fatto che i pazienti nella coorte femorale fossero ( 0.55% ) o non-fossero ( 0.52% ) trattati con terapia antipiastrinica doppia alla dimissione ospedaliera ( HR, 1.04 ) né era associato al fatto che i pazienti nella coorte non-femorale fossero ( 0.71% ) o non-fossero ( 0.69% ) trattati con terapia antipiastrinica doppia ( HR, 1.02 ).

Allo stesso modo, il rischio di ictus a 30 giorni non è stato associato al fatto che i pazienti nella coorte femorale fossero ( 0.57% ) o non-fossero ( 0.55% ) trattati con terapia anticoagulante orale alla dimissione ospedaliera ( HR, 1.03 ) né è stato associato al fatto che i pazienti nella coorte non-femorale fossero ( 0.75% ) o non-fossero ( 0.82% ) trattati con un anticoagulante orale ( HR, 0.93 ).

Tra il 2011 e il 2017, il tasso di ictus a 30 giorni dopo la sostituzione della valvola aortica transcatetere in una popolazione di registro degli Stati Uniti è rimasto stabile. ( Xagena2019 )

Huded CP et al, JAMA 2019; 321: 2306-2315

Cardio2019 Neuro2019 Chiru2019



Indietro