Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Associazione tra l'uso di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina dopo emorragia intracerebrale con recidiva di emorragia e gravità della depressione


Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) sono ampiamente impiegati per trattare la depressione post-ictus, ma sono associati a una maggiore incidenza di prima emorragia intracerebrale ( ICH ) nella popolazione generale.
La decisione di trattare i sopravvissuti a ICH con SSRI deve quindi bilanciare i potenziali rischi di recidiva di emorragia intracerebrale con i presunti benefici sui sintomi depressivi.

Si è determinato se l'uso di inibitori SSRI tra i sopravvissuti a emorragia intracerebrale primaria sia associato a recidiva di emorragia intracerebrale e a diminuzione della gravità dei sintomi depressivi.

È stato condotto uno studio di coorte di emorragia intracerebrale longitudinale presso un centro di assistenza terziaria che ha arruolato pazienti tra il 2006 e il 2017, con follow-up per una mediana di 53.2 mesi.

Lo studio ha incluso 1.279 individui consenzienti ( 1.049 bianchi, 89 neri, 77 ispanici e 64 di altra etnia ) su 1.335 pazienti eleggibili che presentavano emorragia intracerebrale primaria e che erano stati dimessi vivi dal ricovero iniziale per ictus.

Sono state condotte analisi univariabili e multivariabili per il rischio di recidiva di emorragia intracerebrale e la gravità della depressione, comprese le analisi dei sottogruppi per i pazienti con una o più delle seguenti caratteristiche associate ad alto rischio di recidiva di emorragia intracerebrale: emorragia intracerebrale lobare; presenza delle varianti del gene dell'apolipoproteina epsilon-2 / epsilon-4; precedente storia di emorragia intracerebrale / attacco ischemico transitorio [ TIA ] / ictus ischemico; etnia nera o ispanica.

L'età media dei partecipanti allo studio era di 71.3 anni, con 602 donne ( 47% ); dei 1.279 partecipanti, 1.049 erano bianchi, 89 neri, 77 ispanici e 64 erano di altra etnia.
L'esposizione agli inibitori SSRI è stata associata sia alla recidiva di emorragia intracerebrale ( subhazard ratio SHR 1.31 ) sia alla risoluzione della depressione post- emorragia intracerebrale ( SHR 1.53 ).

Tra gli individui ad alto rischio di emorragia intracerebrale ricorrente, gli inibitori SSRI sono stati associati a un ulteriore aumento del rischio di recidiva di emorragia intracerebrale ( SHR, 1.79 ) rispetto a tutti gli altri sopravvissuti a emorragia intracerebrale ( SHR 1.20; P=0.008 per il confronto delle dimensioni degli effetti ).
L'associazione di SSRI con sintomi depressivi ridotti non è variata tra i soggetti ad alto rischio di emorragia intracerebrale ricorrente e tutti gli altri sopravvissuti a emorragia intracerebrale.

L'esposizione selettiva agli inibitori della ricaptazione della serotonina dopo emorragia intracerebrale è associata sia al miglioramento dei sintomi depressivi che all'aumento del rischio di ictus emorragico ricorrente.
La storia clinica, i dati di neuroimaging e i biomarcatori genetici possono aiutare a identificare i sopravvissuti a emorragia intracerebrale con maggiori probabilità di tollerare in modo sicuro l'uso degli inibitori SSRI. ( Xagena2021 )

Kubiszewski P et al, JAMA Neurol 2021; 78: 61-67

Neuro2021 Psyche2021 Farma2021


Indietro