Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione tra controllo della pressione arteriosa e rischio di recidiva di emorragia intracerebrale


L’emorragia intracerebrale è la forma più grave di ictus. I sopravvissuti sono ad alto rischio di recidiva, morte, e peggioramento della disabilità funzionale.
È stata studiata l'associazione tra pressione arteriosa dopo emorragia intracerebrale indice e rischio di emorragia intracranica ricorrente.

È stato effettuato uno studio osservazionale di 1.145 pazienti su 2.197 con emorragia intracerebrale dal 1994 al 2013.
In totale 1.145 pazienti con emorragia intracerebrale sono sopravvissuti almeno 90 giorni e sono stati seguiti fino al 2013 ( follow-up mediano di 36.8 mesi ).

Sono state fatte misurazioni della pressione arteriosa a 3, 6, 9 e 12 mesi, e ogni 6 mesi da personale medico o autoriferite dal paziente, secondo tre modalità: 1) misure registrate sistoliche e diastoliche; 2) classificazione del controllo della pressione arteriosa come adeguata o insufficiente sulla base delle raccomandazioni AHA/ASA [ American Heart Association / American Stroke Association ]; 3) stadio di ipertensione sulla base dei criteri JNC [ Joint National Committee on Prevention, Detection, Evaluation, and Treatment of High Blood Pressure ].

I principali endpoint erano rappresentati da emorragia intracerebrale ricorrente e posizione all'interno del cervello ( lobare vs non-lobare ).

Ci sono stati 102 eventi di emorragia intracerebrale ricorrente tra 505 sopravvissuti a emorragia intracerebrale lobare e 44 eventi di emorragia intracerebrale ricorrente tra 640 sopravvissuti a emorragia intracerebrale non-lobare.

Durante il follow-up un adeguato controllo della pressione arteriosa è stato raggiunto almeno sulla misura 1 da 625 pazienti ( 54.6% del totale ) e costantemente ( in tutti i momenti temporali disponibili ) da 495 pazienti ( 43.2% del totale ).

Il tasso di eventi per emorragia intracerebrale lobare è stato di 84 per 1.000 anni-persona tra i pazienti con inadeguato controllo della pressione arteriosa rispetto a 49 per 1.000 anni-persona tra i pazienti con un adeguato controllo pressorio.

Per emorragia intracerebrale non-lobare l'incidenza è stata di 52 per 1.000 anni-persona con inadeguato controllo della pressione arteriosa rispetto a 27 per 1.000 anni-persona per i pazienti con un adeguato controllo pressorio.

Nelle analisi che hanno modellato il controllo della pressione come una variabile modificabile nel tempo, il controllo insufficiente della pressione arteriosa è risultato associato a un più alto rischio di recidiva di emorragia intracerebrale sia lobare ( hazard ratio, HR=3.53 ) sia non-lobare ( HR=4.23 ).

La pressione sistolica durante il follow-up è stata associata a un aumentato rischio di recidiva di emorragia intracerebrale sia lobare ( HR=1.33 per un aumento di Hg di 10 mmHg ) sia non-lobare ( HR=1.54 ).

La pressione diastolica è risultata associata a un aumentato rischio di recidiva di emorragia intracerebrale non-lobare ( HR=1.21 per un aumento di Hg di 10 mmHg ), ma non con recidiva di emorragia intracerebrale lobare ( HR=1.36 ).

In conclusione, in questo studio di coorte osservazionale in un unico Centro con sopravvissuti a emorragia intracerebrale, le misurazioni della pressione arteriosa che hanno suggerito un controllo pressorio insufficiente durante il follow-up sono state associate a un rischio più elevato di recidiva di emorragia intracerebrale lobare e non-lobare.
Questi dati indicano che sono necessari studi clinici randomizzati per affrontare i rischi e i benefici di un più rigoroso controllo della pressione sanguigna nei sopravvissuti a emorragia intracerebrale. ( Xagena2015 )

Biffi A et al, JAMA 2015; 314: 904-912

Neuro2015 Cardio2015



Indietro